CULTURA ITALIA

MAMI WATA Vuole umanità Dal 12 Luglio al 4 Agosto 2019

COMPARTIR

Mostra di Claudia Melotti, Micaela Serino, Marta Cavicchioni Incontri e dibattiti su Ambiente, Diritti, Donne e Migrazioni Fortezza Spagnola di Santo Stefano, Porto Santo Stefano-Monte Argentario (GR)

MAMI WATA è il filo conduttore, la guida che ci accompagnerà nell’esposizione di Claudia Melotti, Micaela Serino e Marta Cavicchioni.

Ci aiuterà a esplorare i continenti sommersi dell’esclusione, della sopraffazione, dello sfruttamento e a superare le colonne d’Ercole dell’indifferenza. Farà riemergere dagli abissi la solidarietà, l’amicizia, il rispetto, la dignità, l’accoglienza, la cura e l’inclusione.

Divinità delle acque del Voodoo, Mami Wata aiuta le nostre artiste a parlare di acqua, salvaguardia del nostro ambiente e diritti primari di ogni essere umano in un momento in cui la plastica inonda i mari e l’inquinamento altera il clima sotto i nostri occhi, rendendo sempre più difficile l’accesso all’acqua potabile per milioni di persone.

Spirito nomade, bagaglio culturale degli schiavi durante la diaspora africana, Mami Wata ha mutato forma, si è contaminata e si contamina con le varie culture che attraversa. Questa donna-sirena aiuta a immergerci, durante la mostra, nei temi delle migrazioni, dei diritti umani negati e dello spostamento come possibilità.

Questa divinità ha anche tratti estremamente umani e nel tempo ha subito la stessa mistificazione che è toccata a Lilith. Essa, quindi, pone l’accento sulla parità di genere e sui diritti negati delle donne nel mondo; donne trasformate spesso in demoni da una narrazione violenta. Oggi, la figura di Mami Wata viene utilizzata in riti di possessione per assoggettare le ragazze vittime della tratta, legandole ai propri aguzzini e sfruttatori, acquistando una valenza di sudditanza psicologica ulteriore che fa leva sulle loro origini. Così, Mami Wata si fa portatrice dei diritti delle donne.

Incantatrice di serpenti, come nella sua rappresentazione antica, ci riporta anche alla terra e all’incanto come valore positivo che l’arte ha in sé.

La dea delle acque ci porterà nel mondo della magia (laddove con magia si intende la manipolazione di oggetti dalla carica simbolica in grado di produrre cambiamenti nella coscienza che possono avere effetti anche nella realtà fenomenica)*

*Nel giardino delle Curanderas Diego Dentico

La dimora della nostra sirena Voodoo è in fondo al mare. Per incontrarla bisogna immergersi negli abissi, attraverso una trasformazione, una morte per rinascita. Quella trasformazione che si potrà percepire e vivere attraverso la mostra.

Al termine dell’immersione nel percorso espositivo, il pubblico riemergerà e sarà invitato a creare nuove parole e a intessere un discorso nuovo, umano e sostenibile: la nostra vera possibilità di sopravvivenza. Le artiste si confronteranno, ognuna con la propria cifra artistica, facendosi carico del ruolo dell’arte in funzione di un cambio di rotta, per riconsegnare a MAMI WATA le chiavi dell’umanità riemersa. Alla mostra si aggiungeranno momenti d’incontro aperti al territorio con esperti in tema ambientale, sociale e diritti.

PROGRAMMA

Vernissage 12 Luglio ore 19

Con letture di poesie di Soumaila Diawara

Sabato 13 Luglio ore 19

Tavolo AMBIENTE (inquinamento, clima, agricoltura, territorio, diritti) con:

Raffaella Bullo, Divulgatrice scientifica coautrice di Un’onda di plastica (ed. Manifestolibri)

Corinna Vicenzi, Agricoltrice bio e della Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio

Luca Iacoboni, Responsabile Campagna Clima e Energia di Greenpeace

Sabato 20 Luglio ore 19

Tavolo DONNE (diritti, violenza e autodeterminazione) con:

Simona Lanzoni, Vice Presidente di Pangea Onlus

Maria Falchi, Presidente Commissione Pari Opportunità, Monte Argentario

Marcella Corsi, Presidente Minerva Lab, Sapienza Università di Roma

Giulia Zacchia, Economista Femminista, Sapienza Università di Roma

Olimpia de Gauges, Presidente Centro Provinciale Antiviolenza Grosseto

Eugenio Alfano, Avvocato referente coordinamento nazionale rifugiati e migranti di Amnesty International Italia

Domenica 28 Luglio ore 19

Tavolo Migrazioni, Guerre e diritti

Margherita Paolini, Guerre nel Mediterraneo e migrazioni, di Limes

Corinna Vicenzi, Ambientalista, Agricoltrice bio e Donna in Nero, Rifugiati e lavoro sul territorio

Roberto Viviani, Presidente Baobab Experience, Accoglienza e migrazioni , Lidia Ferrari Amnesty International Italia

Finissage 04 Agosto ore 19

Presentazione dell’installazione che le artiste realizzeranno durante il periodo della mostra e di un’opera creata dai visitatori

INFO: mamiwatavuoleumanita@gmail.com

Fortezza Spagnola, Piazzale del Governatore, Porto Santo Stefano (GR): 0564 810681

Ufficio Turistico Pro Loco (info point Porto Santo Stefano): 0564 332075



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *